LEVEL UP:

improve
your skills

Let's Play

News

SCHOOL DAYS DIARIES - DAY 3

“Students for Future”, Scuola e la didattica del futuro

Terzo e ultimo e giorno della prima edizione dei Level Up School Days.

Conclusione d’eccezione con la visita della Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, che ha chiuso il panel dedicato alle Nuove tecnologie al servizio della scuola e della didattica del futuro.

 

Sono intervenuti fra gli altri Rocco Pinneri - Direttore Generale, Ufficio Scolastico Regionale del Lazio, Gianluca Vacca - Deputato, Commissione Istruzione, Scienza e Istruzione ed ex Sottosegretario al Mibact, Paolo Lattanzio - Deputato, Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera, Paola Frassinetti - Deputato, Vice Presidente della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera, Claudio Di Berardino - Assessore Lavoro, Formazione, Scuola e Diritto allo Studio Universitario, Regione Lazio, Elisabetta Scala - Vicepresidente, MOIGE, Daniele Grassucci - Co-founder, Skuola.net, Francesca Medolago Albani - Head of Strategy, ANICA e Vice Presidente, Consiglio Superiore del cinema e dell'audiovisivo del MIBACT, Mario Rusconi - Presidente ANP Lazio, Associazione Nazionale Dirigenti e Alte Professionalità della Scuola.

Al panel dedicato alla didattica del futuro, presenti fra gli altri Marco Ponte - CEO at RaceWard Studio e Piero Savastano - data scientist (AI).

Fra i workshop, segnaliamo quello di programmazione su come creare un FPS con Unreal Engine in 2 ore.

Fra i talk dell’ultima giornata, quelli sulle modellazione e lo sculpting con le differenze fra umano e animale, quello sui videogiochi e l’intelligenza artificiale e quello di game design tenuto da Sergio Rocco - Executive Producer a RaceWard Studio.

Si è conclusa inoltre la game jam “Students for Future”, che ha visto fra i vincitori un team di studenti dell’IIS Carlo Urbani con il gioco “Dear Mr Bump”.

A chiudere gli School Days, Bernardo Antoniazzi - Principal Technical Artist, Infinity Ward (da remoto), che ha parlato dei suoi esordi e di come è arrivato a lavorare a “Call of Duty”.